Skip to content

Monthly Archives: aprile 2012

“Verità e speranza”: un percorso tra educazione, cultura e solidarietà

Locandina_33_artistiSabato 14 aprile 2012 alle ore 17.30 ha avuto luogo nel Palazzo della Cultura – Biblioteca Civica “Pietro Acclavio” di Taranto (g.c.) l’evento culturale intitolato “Un percorso di verità e di speranza”, promosso ed organizzato dalla Fondazione “Rocco Spani” ONLUS di Taranto con il patrocinio degli Assessorati alla Cultura, Istruzione e Servizi Sociali del Comune di Taranto e con la collaborazione di note istituzioni: Centro per  l’arte contemporanea “Open Space” di Catanzaro, Accademia di Belle Arti di Catanzaro, Centro di Cultura giuridica “Taranti Cives”, Associazione di Volontariato “Infanzia e Solidarietà”, Centro “Studio Acerbi” di Piacenza,  “Le Nuvole Teatro” di Roma.
L’evento culturale consiste nella presentazione di  un ricco carnet di iniziative tra incontri d’esperienza, mostre, video, teatro sul tema “verità e speranza”, concetti fondamentali che stigmatizzano il lungo percorso della Fondazione “Rocco Spani”. Un’anteprima, tra educazione, cultura e solidarietà, che celebra, senza retorica, i venticinque anni di continuo impegno che la stessa istituzione ha svolto a favore di minori e famiglie che vivono negli strati sociali meno abbienti del territorio tarantino, in particolar modo nel centro storico di Taranto.
La Fondazione venne istituita a Taranto nel 1989 da un gruppo di artisti e di operatori culturali che, sin dal 1987, avevano dato vita – attraverso l’arte e il gioco – ad esperienze laboratoriali, con la didattica dell’arte e con  il gioco-animazione, realizzando con minori ed adulti particolari momenti di socializzazione  e di aggregazione.
Nel corso degli anni la Fondazione, con l’ausilio di approfonditi studi, ricerche e progettazione pedagogica, ha strutturato, nelle diversificate segmentazioni, progetti e interventi di prevenzione, recupero e integrazione, attivando presidi educativi permanenti che alleviano il disagio sociale, offrendo un’alternativa credibile, quasi una scommessa di responsabilità nei confronti di minori e famiglie coinvolte, “consapevole, anche – come afferma Giovanna Tagliaferro, direttore della Fondazione “Rocco Spani” – che i fattori di rischio sono realtà complesse e in continuo divenire”.
“La Fondazione ha così dato vita a spazi privilegiati a misura di bambini per concorrere concretamente e autorevolmente – come afferma il prof. Giulio De Mitri, presidente della Fondazione – a nuove forme di autorealizzazione e di riaggregazione sociale, recuperando l’esperienza del proprio ambiente e caricandola di nuove valenze sociali e culturali”.
veritaspe1Il progetto dell’evento culturale, messo a punto con la fervida collaborazione di minori, operatori, genitori, artisti, esperti, si svilupperà in cinque diversificati momenti: inaugurazione delle mostre “La verità è luce” (con la partecipazione di trentatré giovani artisti emergenti, operanti sul territorio  nazionale)  e “Il valore della verità” (elaborati didattici realizzati sul tema da circa quaranta minori della Fondazione).
I trentatré giovani artisti sono stati invitati ad esprimersi, in un forum in progress, sul concetto di verità partendo da una frase storica di Pier Paolo Pasolini: “…Dire la verità è un atto rivoluzionario”. Gli stessi con le loro opere, doneranno a tutti i potenziali fruitori della mostra significativi sentimenti di speranza per una “rivoluzionaria verità”.
Da contraltare i minori della Fondazione – bambini e ragazzi – che hanno approfondito il significato della mostra, elaborando autonomamente manufatti realizzati nei laboratori artistici della stessa Fondazione. Così l’arte intreccia il quotidiano, con un approccio attivo, coinvolgente e trasversale: i piccoli protagonisti hanno sviluppato il tema legato al valore della verità.
Secondo momento dell’evento la proiezione dell’opera-video “Codice bianco limite di zona. Con Beuys per una pedagogia della speranza”, realizzata dall’artista Giulio De Mitri nel 2007 in occasione della sua partecipazione alla 52^ Biennale di Venezia. Un lavoro inedito per Taranto che prende corpo dall’esperienza culturale, sociale e didattica del noto maestro Beuys e dal lavoro condotto a tutt’oggi dalla Fondazione, attraversando anche gli aspetti sociali del  territorio tarantino.
Il terzo momento sarà caratterizzato dagli incontri d’esperienza a cui parteciperanno note personalità del mondo della cultura italiana che hanno collaborato, nel corso degli anni, con la Fondazione: da Amilcare Acerbi, noto pedagogista e direttore dell’Associazione Nazionale delle Città in Gioco (GioNa), a Luigi Paolo Finizio, critico e storico dell’arte, ad Antonio Basile, antropologo e docente all’Accademia di Belle Arti di Lecce, a Massimo Iiritano, filosofo  e docente all’Università degli studi di Perugia, al giurista Franco De Feis presidente del Centro di Cultura  Giuridica “Tarenti Cives”. Coordinerà il giornalista Silvano Trevisani, scrittore e capo-redattore cultura del “Corriere del Giorno”.
veritaspe2

Concluderà l’evento la pièce teatrale “La Fondazione un cammino tra verità e speranza”, azione scenica dell’attrice-regista Barbara Amodio con la partecipazione della piccola Valeri, minore della Fondazione.
Le mostre sono rimaste aperte nella Biblioteca Civica “P. Acclavio” (P.zza Bestat, Taranto) sino al 30 aprile.